Social 2019: le nuove tendenze

Social 2019: le nuove tendenze

Realtà aumentata, intelligenza artificiale e nuove esperienze di shopping

social 2019 tendenze


Il 2019 è iniziato da appena un mese, ma all’orizzonte è già possibile scorgere le principali tendenze social che caratterizzeranno quest’anno. Il continuo sviluppo dell’intelligenza artificiale, capace di decifrare la complessità del mondo con sempre maggiore efficacia, sarà una delle direttrici principali dell’evoluzione del nostro modo di comunicare: insieme con la realtà aumentata, sarà integrata in molti nuovi servizi e farà evolvere in modo determinante quelli già esistenti.

La trasparenza e la sicurezza dell’utente sono stati gli argomenti più caldi del 2018. Per questo i social stanno aggiornando le proprie politiche di protezione della privacy. Nel 2019 continuerà anche il cammino già intrapreso l’anno scorso alla riscoperta dei rapporti personali e autentici che fecero avvicinare il grande pubblico ai social network all’inizio della loro diffusione. Per rendersene conto basta aprire il proprio Facebook: negli ultimi mesi i post delle Pagine e hanno perso molte posizioni nel feed, lasciando il posto a quelli degli amici e dei familiari.

Queste sono le linee guida del report annuale di Hootsuite, leader mondiale nel settore delle piattaforme di gestione dei social network. I dati su cui si basa sono stati raccolti nel terzo trimestre del 2018 su oltre 3.000 utenti business dell’applicazione e poi incrociati con gli insight di specialisti del settore come We Are Social. Vediamo nel dettaglio le previsioni per ognuno dei social media più famosi.



Facebook



Il problema di sicurezza che affligge il colosso di Mark Zuckerberg è perfettamente quantificabile: solo nel 2018, 137 milioni di account sui 2,23 miliardi totali hanno subìto violazioni. Ecco perché nel 2019 Facebook sarà principale paladino della sicurezza.

Questo sarà un anno denso di appuntamenti elettorali. Oltre le elezioni europee fissate per maggio, si voterà anche in Grecia, Belgio, Canada, Argentina, Bolivia, Afghanistan, Australia eccetera. Dopo il tristemente famoso caso Cambridge Analytica, Facebook vuole evitare altri guai e sta impiegando nuovi tool di intelligenza artificiale per garantire sicurezza e trasparenza, oltre a 2.000 nuovi revisori di contenuti e aziende partner.

Facebook si sta impegnando anche nella lotta contro le fake news e renderà disponibile un archivio di tutti gli annunci di natura politica, con l’indicazione ben chiara del committente allo scopo di evitare confusioni e fraintendimenti che oggi sono all’ordine del giorno e possono risultare nocivi al tessuto sociale anche offline.

Per quanto riguarda la creazione di contenuti, Facebook Stories ha raggiunto già nel 2018 quota 150 milioni di utenti. Presto verrà lanciato Stories Ads, per ora in fase di test negli Stati Uniti, in Brasile e in Messico ed entro la fine dell’anno arriveranno anche i video ads, che dureranno tra 5 e 15 secondi.

Sul fronte hardware, la primavera del 2019 vedrà il lancio definitivo di Oculus Quest, il visore per la realtà virtuale di Facebook. Equipaggiato con controlli virtuali touch, il dispositivo offrirà nuove esperienze anche grazie alla sua tecnologia wireless e al tracking totale della posizione.

Nel 2019 Facebook punterà forte sui Gruppi aggiungendo nuove importanti funzionalità, come la possibilità per le Pagine branded di entrarvi. Sarà potenziato anche Watch Party, uno strumento che permette ai membri dei Gruppi di guardare e commentare insieme video in diretta di cui abbiamo già parlato in questo blog.



Instagram



Il 2018 è stato l’anno di Instagram, che ha fatto registrare il miliardo di utenti attivi mensilmente. Le opzioni avanzate per gli adevertiser hanno moltiplicato le possibilità di monetizzazione dei video, che sembrano sempre di più il futuro della piattaforma: Stories e IGTV stanno inesorabilmente surclassando le foto nelle preferenze degli utenti. I creatori di contenuti saranno incentivati anche nel corso di quest’anno, che promette di introdurre gli ads anche in IGTV.

Un altro aspetto che verrà potenziato è lo shopping: nella sezione Esplora sarà inserito il canale Shopping, il quale moltiplicherà la visibilità di chi opera nella moda.

Instagram è quindi ben attrezzato per tenere botta anche in questo 2019 e continuerà ad attrarre investitori grazie al più alto tasso di engagement tra i principali social network.



YouTube



Molti, soprattutto tra le giovani generazioni, hanno percepito il 2018 come un anno di flessione per YouTube, soprattutto a causa del passaggio in massa degli streamer a tema gaming su Twitch. In realtà, dati alla mano, il sito di streaming video più famoso del mondo è cresciuto nell’ultimo anno, passando da 1,6 a 1,9 miliardi di utenti attivi.

Il servizio premium di streaming YouTube TV è arrivato a 800.000 iscritti a meno di un anno dal debutto e Google nel nuovo anno vuole rafforzare gli investimenti: nuovi publisher, nuovi canali, nuovi mercati.

Dal lato advertising Youtube sta lavorando per garantire maggiore interattività. La pubblicità video sarà quindi potenziata con nuovi strumenti attraverso i quali i brand potranno ottenere maggior visibilità, targeting più preciso e reach più ampio. Le campagne video potranno essere personalizzate nei minimi dettagli: dati unici, audience chiave e nuovi formati contribuiranno a fornire all’utente l’esperienza più personalizzata che abbia mai visto.



Twitter



Il 2018 non è stato un anno semplice per Twitter, che ha dovuto lottare ogni giorno contro razzismo, minacce di violenza, spam e altri abusi assortiti. Per questo nel 2019 raddoppierà la sicurezza e proverà a riportare il linguaggio a una dimensione più “umana”. Nuove policy di sicurezza e una maggiore attenzione al pubblico sono i principali propositi.

Twitter si prepara anche a investire in modo massiccio in un ecosistema di developer per portare aria fresca all’interno del suo sistema: i migliori talenti saranno incentivati a creare nuove funzioni per l’applicazione con un’unica linea guida, la personalizzazione.

Il live broadcasting è già il presente della piattaforma, ma sarà ulteriormente potenziato con gli streaming audio live per mobile e l’inserimento di video live nelle timeline dei follower. Le nuove funzioni hanno la finalità di spingere i brand a utilizzarle, diversificando la loro offerta in modo da venire incontro alle esigenze sempre più specifiche del pubblico.



LinkedIn



Anche se in misura sensibilmente minore rispetto agli altri social network, LinkedIn ha risentito delle stesse controversie sul tema della sicurezza. A oggi la piattaforma di proprietà di Microsoft conta oltre 575 milioni di utenti sparsi in 200 paesi e si sta concentrando per essere sempre più una realtà costruita intorno all’utente. Dopo aver introdotto la nuova interfaccia, i nuovi formati per gli ads e i video nativi, nel 2019 LinkedIn cercherà di migliorare ulteriormente la customer experience. LinkedIn Recruiter, per esempio, ha accolto l’integrazione del tool di CRM Microsoft Dynamics 365.

Novità ghiotta soprattutto per i recruiter, Talent Insights è il nuovo tool che utilizza il vastissimo database della piattaforma per fornire informazioni on demand sulle risorse umane. In questo modo i professionisti di LinkedIn potranno rimanere sempre aggiornati sui trend del mercato e sulla disponibilità di skills, affinando maggiormente le loro ricerche.



Snapchat



Snapchat è stato recentemente superato dalle Stories di Instagram, ma rimane molto utilizzato soprattutto dai più giovani: il 79% dei teenager possiede un account e la piattaforma conta 400 milioni di utenti attivi ogni giorno. Snapstreaks, una delle principali feature che incentiva l’accesso quotidiano, conta i giorni consecutivi in cui due amici si scambiano Snap. Il 44% dei giovanissimi utenti afferma addirittura che, se fosse costretto a scegliere un solo social network tra tutti quelli disponibili, sceglierebbe proprio Snapchat.

Snapchat ha già dimostrato la sua attenzione per il mondo hardware due anni fa con lo sviluppo degli Spectacles, occhiali da sole con videocamere integrate per trasformare la propria vita reale in video di 30 secondi da condividere con gli amici. Non è escluso che il 2019 possa essere l’anno di una nuova svolta in questa direzione.

Le funzionalità più importanti che Snapchat implementerà nel 2019 saranno però relative allo shopping. Un nuovo tool di ricerca visual, sviluppato in partnership con Amazon, permetterà di inquadrare con la fotocamera dello smartphone qualsiasi oggetto e acquistarlo all’istante sul famoso marketplace online.



Pinterest



Sebbene non diffuso come gli altri social network, almeno qui in Italia, Pinterest rimane un riferimento importante per i settori moda, bellezza, casa e lifestyle e macina numeri importanti: nel 2018 ha raggiunto il miliardo di dollari di ricavi nella vendita di ads.

Sebbene la versione mobile performi in modo ottimo, il sito di Pinterest non è da meno: il 90% degli utenti totali utilizza proprio quest’ultimo per le decisioni di acquisto. Per il 2019 Pinterest ha in programma un ulteriore potenziamento dell’esperienza di shopping e maggiore attenzione per l’esperienza dei consumatori.

Nel nuovo anno Pinterest darà continuità al suo posizionamento come strumento per scoprire prodotti nuovi: Pinterest Lens, per esempio, è una sorta di Shazam per gli oggetti. La commistione di visual, social e motore di ricerca caratterizza da sempre la piattaforma e la rende la meta preferita per chi cerca nuovi prodotti, ispirazione e idee.


Il 2019 sarà quindi un altro anno di grande innovazione per i principali social network. Sta ai marketer sviluppare nuove strategie (e affinare quelle vecchie) per cavalcare al meglio i nuovi trend.

Categoria

Social

Tags

digital,web marketing,Social Media,tips