Black friday 2018: dati e curiosità

Black friday 2018: dati e curiosità

Statistiche sorprendenti e campagne fantasiose per un weekend di shopping

black friday 2018 dati


Dopo tanta attesa il Black Friday 2018 è stato consegnato agli archivi. Una giornata frenetica, bruciata in fretta: il tempo vola quando ci si diverte. Fortunatamente non sono mancate iniziative pensate per i ritardatari, dato che la maggior parte dei negozi fisici e online hanno esteso le proprie offerte all’intero weekend. Nel settore tecnologico il tradizionale Cyber Monday, poi, ha allungato ulteriormente il tempo a disposizione dei consumatori.

Sono già disponibili i primi dati relativi alla settimana del Black Friday 2018. La spesa è aumentata rispetto all’anno scorso, ancora una volta trainata dalla tecnologia.



Mobile e online, il nuovo modo di acquistare



La pratica più gettonata di questo Black Friday è stata quella dell’acquisto tramite smartphone: oltre un terzo delle transazioni è stato completato da mobile (33,5%). Un aumento considerevole rispetto allo scorso anno, quando questa statistica ha fatto registrare un comunque già incoraggiante 29,1% del totale. Sempre più persone, quindi, scelgono lo smartphone per effettuare spese. Questa tendenza potrebbe dipendere da diversi fattori, ancora in fase di studio:


  • L’interfaccia delle app di ecommerce è migliorata, così come l’esperienza dell’utente (user experience).
  • Gli schermi dei device, sempre più grandi, consentono una migliore visualizzazione dei prodotti anche ai più attenti ai dettagli.
  • Con gli sconti praticati in queste giornate l’approccio alla spesa si fa più “ludico”, impulsivo, e necessita di un dispositivo più veloce e sempre a portata di mano. 

Le vendite totali del Black Friday 2018 seguono la tendenza registrata negli ultimi anni: l’aumento è del 23,6% rispetto al 2017, per un totale di 6,22 miliardi di dollari. In Italia la regione più spendacciona è stata la Lombardia (25,9%), seguita sul podio da Lazio (17,6%) ed Emilia Romagna (6,7%). 

Per quanto riguarda i settori di vendita, a fare da apripista nei giorni precedenti sono state le console per videogiochi: 300.000 unità sono state vendute in tutto, con PlayStation4 che guida la classifica. Il venerdì, invece, è stato il giorno della telefonia, con un numero impressionante di acquisti tra accessori e dispositivi.



Campagne innovative, provocatorie e...



Si sa, al giorno d’oggi ciò che raccontiamo è più importante di ciò che produciamo e vendiamo. Nel periodo del Black Friday questa tendenza aumenta a dismisura: gli sconti sono ovunque e spesso una campagna di comunicazione incisiva e accattivante può fare la differenza. Worldz, impresa che aiuta gli ecommerce ad affermarsi tramite la condivisione da parte dei clienti, ha pubblicato una ricerca che dimostra che comunicare efficacemente i prezzi è più importante che abbassarli. Alcune aziende hanno preso questa massima alla lettera, spingendosi sempre più vicine alla sottile linea che divide la comunicazione vincente da quella dannosa.

Scoperto e teorizzato qualche anno fa, il fenomeno della viralità è ancora oggi un obiettivo molto ambito dalle agenzie di comunicazione. La condivisione incontrollata di un contenuto particolarmente curioso può infatti fare la fortuna di chi vende per vivere. È sicuramente diventata virale la campagna dell’Outlet del Funerale, un’agenzia funebre di Cologno Monzese che ha sbancato l’internet nei giorni precedenti il Black Friday con il suo ormai celeberrimo claim Acquista oggi il tuo funerale scontato e muori quando vuoi. Non sappiamo se abbiano risposto in molti all’imperdibile appello, ma di certo la pubblicità ha strappato un sorriso a molti a dispetto del suo oggetto.


black friday 2018 outlet funerale

Fonte: zz7


C’è invece chi ha oltrepassato di parecchio la linea di cui abbiamo parlato in precedenza. È il caso del negozio della griffe di moda Philipp Plein del centro di Milano, che in occasione del Black Friday ha esibito un grande cartellone in vetrina. Su di esso campeggia un uomo con una mannaia impegnato a fare a pezzi una modella, accompagnato dal claim Price killer. La violenza sulle donne è un tema particolarmente caldo in questo periodo storico e il caso vuole che il venerdì nero dello shopping ricorresse nella stessa settimana del 25 novembre, la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne. La bufera d’indignazione su Facebook non ha tardato ad arrivare, con centinaia di donne guidate dalla blogger Mercedes Lanzilotta che hanno chiesto a gran voce la rimozione del cartellone. Un Friday decisamente troppo black per la casa di moda.



Tanto shopping porta con sé tanto spreco. A questa equazione hanno pensato gli attivisti di Greenpeace, che hanno scelto una campagna provocatoria in occasione del Black Friday 2018. In centro a Milano, in una delle vie principali dello shopping, hanno posto un enorme pacco regalo fatto interamente di rifiuti in plastica, accompagnato dal claim Il pianeta non è usa e getta. Un messaggio efficace per una verità che faremmo meglio a non dimenticare mai.


black friday 2018 greenpeace

Fonte: Inno3

Categoria

Shopping

Tags

ecommerce,shopping,web marketing